home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca

 
FORUM: Elettronica Generale
Qui si parla di tutto....dall'analogico al digitale, dal software all'hardware, dal semplice crepuscolare al computer.


duplicare telecomando cancello solo con frequequenzimetro.
     
Autore Messaggio opzioni
ragiona2011





postato il:
28.09.2012, alle ore 23:19
duplicare telecomando cancello solo con frequequenzimetro. 

qualcuno mi spiega come si clona un telecomando per cancelli? ho visto dal mio rivenditore che guarda solo il frequenzimetro, ma la codifica è uguale per tutti?


se questo è un messaggio di vendita, spedisco solo con raccomandata o corriere (tracciabili).
----------------------------------------------
La teoria è quando sappiamo come funzionano le cose, ma non funzionano.
FrancoGual



[pagine pubblicate]

postato il:
28.09.2012, alle ore 23:30
Si compra l'attrezzatura dal rappresentatnte che ti vende anche il frequenzimetro,che costa meno dell'analizzatore di spettro,una volta capito se è un 300 o 400 Mhz il negoziante prende il baracchino che legge dal vecchio e scrive nel nuovo.
Il tutto protetto da firmware.Il sistema è in grado di replicare anche i rolling code.
Esistono anche telecomandi che hanno a bordo tutto il necessario per duplicare un'altro telecomando posto a pochi mm.



Anche il viaggio più lungo inizia con un piccolo passo.
Si vis pacem, para bellum!!!
Mark Zuckerberg ha reso suoi schiavi milioni di persone senza che se ne rendessero conto. F.G.
<Avete vinto voi,ma almeno non riuscirete a considerarmi vostro complice> Da Mediterraneo.
Inferno,Canto III,verso 51 Virgilio dice.........
ilariostella





postato il:
29.09.2012, alle ore 00:02
i telecomandi per cancelli sono divisi in due categorie : rolling code e codice fisso.
Quelli a codice fisso sono clonabili, al limite, se non c'è scritto sopra, il frequenzimetro ti serve solo per conoscere la freq. della portante rf,in gran maggioranza 433 oppure 868.
Il chip del codice,di solito un Keeloq Microchip, genera, ad ogni attivazione, una stringa di 66 bit, dei quali i primi 28 formano il codice fisso, 32 quello variabile, e 6 trasmettono le informazioni per la risincronizzazione con il ricevitore.L'algoritmo di codifica è molto complesso e non di pubblico dominio,inoltre una parte di codice è personalizzato dai produttori.Quindi anche se cloni una trasmissione la prossima sarà completamente diversa perchè varieranno ben 32 bit secondo una logica a te sconosciuta. I telecomandi rolling code attuali hanno bisogno di essere riconosciuti tramite una procedura di apprendimento sulla centralina e una sequenza precisa sui tasti del telecomando.Esistono anche quelli autoclonanti, tipo alcuni faac, che possono essere copiati con una semplice procedura.Nel raggio di ricezione della centralina,premi e tieni premuto un tasto del telecomando "buono" per 5 secondi dopo di che metti a contatto le due parti frontali dei telecomandi e mantenendo premuto sempre il tasto premi pure quello del telecomando nuovo,il quale viene riconosciuto. E' una procedura da eseguire con cautela,in quanto se non eseguita correttamente,non solo non ti codifica quello nuovo, ma perdi pure quello funzionante.



Se comprendere è impossibile conoscere è necessario... [P. Levi]
L'ignoranza non è mai meglio della conoscenza. [E. Fermi]
ragiona2011





postato il:
29.09.2012, alle ore 13:28
ho capito tutto.. allora lo posso clonare da solo.. è il tipo col trimmerino.


se questo è un messaggio di vendita, spedisco solo con raccomandata o corriere (tracciabili).
----------------------------------------------
La teoria è quando sappiamo come funzionano le cose, ma non funzionano.
ilariostella





postato il:
29.09.2012, alle ore 20:07
allora, scusa se mi permetto non hai capito proprio nulla.Non c'entra il trimmer,la parte rf è una cosa, il codice trasmesso un altro.Se ma avessi la voglia di dare un occhiata alla modulazione, am ed fm tanto per cominciare,non sarebbe una brutta idea.Non è mia intenzione fare una lezione sull'argomento ma mi permetto di darti due dritte.
Le frequenze basse e con potenze basse riescono a percorrere spazi molto brevi, per vari motivi.Se vuoi allungare il percorso o sali di potenza o sali di frequenza.I vecchi trasmettitori in onde lunghe avevano bisogno di Kw per raggiungere distanze importanti. I moderni trasponder satellitari coprono decine di migliaia di km con pochi W ma usano frequenze di decine di GHz.
Detto questo, la replica di un telecomando di solito non è un problema di potenza rf ma di codice.
La portante rf è solo il mezzo con cui il trasmettitore dialoga col ricevitore, il contenuto del dialogo è cosa diversa.Io dialogo con te tramite il forum(portante,ovvero mezzo con cui si propagano le info), ma se scrivo in turco (codice) magari non ci capiamo.
Se tu hai un telecomando codifica MM53200 per dirne uno, lo puoi clonare perchè lui trasmette sempre e soltanto lo stesso codice. Qualsiasi sia la freq della portante (certo devi conoscerla perchè se trasmetti a 433 ed il ricevitore è a 27 MHZ stai fresco) se il decoder ricevente non capisce il linguaggio trasmesso, non si attiva.
In breve,devi avere la stessa f della portante e lo stesso tipo di modulazione (solitamente am ):se il codice è di tipo fisso (telecomandi con dip switch per esempio) lo cloni, se è rolling code (HCS o KEELOQ ) è tempo perso.Spero che non sia tempo perso pure questo.



Se comprendere è impossibile conoscere è necessario... [P. Levi]
L'ignoranza non è mai meglio della conoscenza. [E. Fermi]
ragiona2011





postato il:
30.09.2012, alle ore 12:09
ho fatto tutto... dovevo clonare un FAAK o come cavolo si scrive, ho comprato l'universale in un negozietto e tarando la stessa frequenza ha subito funzionato.

quindi mi sa che il codice almeno per questo tipo di ricevitore, sarà standard.

la cosa bella che ho notato che con quel trimemrino può andare da circa 200Mhz a oltre i 500 il mio era a 433.xxx



se questo è un messaggio di vendita, spedisco solo con raccomandata o corriere (tracciabili).
----------------------------------------------
La teoria è quando sappiamo come funzionano le cose, ma non funzionano.
Jasson





postato il:
30.09.2012, alle ore 12:43
ragiona2011:
ho fatto tutto... dovevo clonare un FAAK o come cavolo si scrive, ho comprato l'universale in un negozietto e tarando la stessa frequenza ha subito funzionato.

quindi mi sa che il codice almeno per questo tipo di ricevitore, sarà standard.

la cosa bella che ho notato che con quel trimemrino può andare da circa 200Mhz a oltre i 500 il mio era a 433.xxx


Ma sei sicuro che non hai dovuto impostare i dispswitch nello steso modo di un altro telecomando o nello stesso modo della ricevente?
Perchè mi sembra strano che impostando solo la frequenza, questo funzioni, anche perchè oggi giorno, le frequenze sono tutte uguali, daltronde il ministero ha attribuito a tali dispositivi solo 2 frequenze, 433,92Mhz e 800 e qualcosa Mhz, e quindi tutti i nuovi prodotti si devono adeguare.
Per forza di cose i telecomandi dovranno essere codificati, altrimenti rischi con un solo telecomando di aprire tutti i cancelli faac della tua città.
ilariostella





postato il:
30.09.2012, alle ore 20:50
a forza di dire baggianate finiamo per crederci... ragiona(si, magari) se tutti i telecomandi avessero lo stesso codice con un solo telecomando apriresti tutti i cancelli del mondo... non ti pare un po strano? Ripeto, fino ad oggi i telecomandi recenti(escludiamo i vecchissimi 27 e 40 Mhz) funzionano a433 o a 868.Tu non hai tarato la stessa frequenza, i dip servono per impostare la stessa sequenza di bit.
Ma perchè continuo a perdere tempo qui?



Se comprendere è impossibile conoscere è necessario... [P. Levi]
L'ignoranza non è mai meglio della conoscenza. [E. Fermi]
armcic1@hotmail.it





postato il:
15.01.2022, alle ore 18:09
Sono Francesco Cicco.
Il telecomando alzaserranda, di un garage di condominio, non riesce più a comandarne l' apertura.
Esso è perfettamente funzionante.
Temo che il codice numerico sia stato cambiato volutamente, nella ‘centralina’; o addirittura cambiata la centralina, e con essa il codice numerico e/o alfanumerico.
Essa, centralina, è inaccessibile.
Domanda: come si può dichiarare che il codice nella centralina è stato modificato?
C’è possibilità che ci sia altra ragione che può alterare, e quindi rendere anomalo, il comportamento del telecomando ?
Grazie.
rcc.roberto



[pagine pubblicate]

postato il:
15.01.2022, alle ore 21:05
Francesco per favore, apri una discussione tua, non ci si accoda a quelle degli altri.
Grazie
segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2022 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale