home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca

 
FORUM: Elettronica Generale
Qui si parla di tutto....dall'analogico al digitale, dal software all'hardware, dal semplice crepuscolare al computer.


Come alimentare manipolo ad induzione
     
Autore Messaggio opzioni
fero





postato il:
13.01.2022, alle ore 18:57
Come alimentare manipolo ad induzione 

Ho riparato meccanicamente un manipolo da laboratorio con motore ad induzione da 50000 rpm, precisamente un Walk Brushless mod. W50; mi è stato inviato il solo manipolo e non ho l'alimentatore per provarlo; in rete francamente non ho trovato nulla a riguardo; confido quindi nella comunitò: sapete come va alimentato? Come aiuto aggiungo che vanno al motore tre fili neri ed uno giallo; fra il filo giallo ed ognuno dei fili neri c'è una resistenza di 1 Ohm, mentre i fili neri fra di loro hanno una resistenza di 1,5 Ohm; generalmente i manipoli da laboratorio, quelli classici a spazzole, lavorano con tensioni variabili dai 20 ai 40 vdc; vi ringrazio non fosse altro che per il disturbo
rcc.roberto



[pagine pubblicate]

postato il:
13.01.2022, alle ore 20:58
Se hai il solo motore, non è possibile comandarlo con un semplice alimentatore.
Quasi sicuramente è controllato in PWM, per cui un circuito molto complesso.
fero





postato il:
15.01.2022, alle ore 10:10
Nel caso di manipoli a spazzole, non c'è la stretta necessità di utilizzare un alimentatore PWM; basta anche un vecchio alimentatore a resistenza variabile oppure un positivo ed un negativo derivati da una qualsiasi sorgente e loro girano; generalmente hanno due soli fili di alimentazione; alcuni ne hanno tre per l'inversione di marcia (uno dei due poli è raddoppiato); anche i rari a quattro fili ne utilizzano due per marciare in un senso e due nell'altro; in laboratorio ho più di un alimentatore variabile in PWM di altri manipoli ma a spazzole; non provo a collegare questo specifico motore per evitare possibili danni, visto il tipo particolare di cablaggio; ritengo, ma solo a naso, che ci sia bisogno di una scheda driver, anche perché un secondo manipolo di marca diversa (Marathon BM50M) ma della stessa tipologia ad induzione ha nel connettore tre gruppi di contatti: due gruppi da tre contatti ognuno ed un gruppo da due contatti; cablaggi così complessi poco si confanno ad un semplice pilotaggio diretto PWM, almeno credo; dai dati del tester del post precedente, non potrebbe trattarsi di motore trifase? Se qualcuno mi illuminasse, potrei buttar giù qualcosa al volo con arduino e provarlo. oppure sperare che qualche riparatore di manipoli professionale si faccia sentire
bergio70



[pagine pubblicate]

postato il:
15.01.2022, alle ore 11:54
senza offesa... così a naso pare che ne sai più di noi....



La risposta dipende solamente dalla domanda.
Rispondo nello stesso luogo e nei termini che ritengo più opportuni.
Se la cosa non piace a qualcuno... non so che farci.


http://iw1au.altervista.org/au_AXR.html

Molti altri non mi sopportano, e la cosa è reciproca.

http://www.iw1axr.eu

Daniele
dacolug



[pagine pubblicate]

postato il:
17.01.2022, alle ore 11:14
fero:
dai dati del tester del post precedente, non potrebbe trattarsi di motore trifase? Se qualcuno mi illuminasse, potrei buttar giù qualcosa al volo con arduino e provarlo. oppure sperare che qualche riparatore di manipoli professionale si faccia sentire


si, a parte che per resistenze così basse forse stai misurando la resistenza dei puntali.
in teoria tra le due fasi dovresti avere il doppio di resistenza che tra una fase e il centro stella.
comunque se è così è un brushless sensorless, ti ci vuole un regolatore che sia in grado di alimentare due fasi e misurare la tensione indotta sulla terza in modo da capire la posizione del rotore, avviare il motore senza slittamenti e poi mantenerlo in rotazione con una cetra efficienza, se fai una sequenza di tre fasi con arduino forse gira ma probabilmente devi farlo partire a spinta.
ti consiglierei un regolatore per modellismo, ma 50000 mi sembrano troppi, quelli per modellismo fanno due o tremila rpm per volt, non so se un regolatore simile riesce a recepire un motore come il tuo



L'Ottomana è quella cosa
di cotone oppur di lana
che si chiama l'ottomana
perché ha sempre quattro piedi
fero





postato il:
03.02.2022, alle ore 17:11
Mi rifaccio vivo per aggiornarvi; dopo aver letto quanto postato da dacolug, ho cercato e poi ordinato il 22 gennaio una scheda BLDC economica che facesse al caso mio; la scheda di questa inserzione https://www.ebay.it/itm/264572898024
è arrivata questa mattina; la morsettiera di questa scheda ha i due connettori +e- per l'alimentazione ed i tre A,B,C per le fasi; non esiste fisicamente il posto a cui collegare il filo giallo per cui non è stato collegato (esistono anche schede che hanno tutta una griglia di connettori per i sensori hall, per la frenata brusca, per l'inversione di marcia ed altro, scartate a priori per la difficoltà di messa a punto in caso di malfunzionamento) ho alimentato la scheda con un alimentatore da manipolo 0-32VDC; il potenziometro presente sulla scheda BLDC ha anche la funzione di accensione/spegnimento; ho dato corrente ed acceso con molto timore (questi manipoli costano varie centinaia di euro...): il manipolo si è avviato senza alcun tentennamento e mi ha stupito per la sua silenziosità e l'assenza di vibrazioni; non ho potuto misurare il numero di giri raggiunto in quanto il mio strumento non è dei più moderni e si ferma a 25000 rpm..., troppi pochi per i manipoli dell'ultima generazione; un saluto ed un ringraziamento alla comunità

segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2022 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale