home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store
username
password
cerca

 
FORUM: Elettronica Generale
Qui si parla di tutto....dall'analogico al digitale, dal software all'hardware, dal semplice crepuscolare al computer.


riconoscere ferriti toroidali
     
Autore Messaggio opzioni
bergio70



[pagine pubblicate]

postato il:
17.05.2013, alle ore 00:43
... avranno lo stesso colore degli amidon, ma la somiglianza si ferma lì.
se provengno da alimentatori arrivano a pichi KHz... qualche MHz al massimo-
è necessario fare prove, ma hai bisogno almeno di un ponte di misura e un generatore.




La risposta dipende solamente dalla domanda.
Rispondo nello stesso luogo e nei termini che ritengo più opportuni.
Se la cosa non piace a qualcuno... non so che farci.

http://digilander.libero.it/iw1au/au_AXR.html

Molti altri non mi sopportano, e la cosa è reciproca.

http://www.iw1axr.eu

Daniele
1bisiimarconi




una ogni 10 livelli


postato il:
17.05.2013, alle ore 22:18
bergio70:
... avranno lo stesso colore degli amidon, ma la somiglianza si ferma lì.
se provengno da alimentatori arrivano a pichi KHz... qualche MHz al massimo-
è necessario fare prove, ma hai bisogno almeno di un ponte di misura e un generatore.



e io che ci ho sperato fino all'ultimo... :'( adesso sto facendo qualche prova per vedere l'effettiva coincidenza, devo costruire un buck da prestazioni e dimensioni discrete e quindi mettere una ferrite enorme non è il massimo, studio e vi so dire



Se vuoi avere qualcosa che non hai mai avuto, devi essere disposto a fare qualcosa che non hai mai fatto.
schottky





postato il:
18.05.2013, alle ore 11:20
1bisiimarconi:
bergio70:
... avranno lo stesso colore degli amidon, ma la somiglianza si ferma lì.
se provengno da alimentatori arrivano a pichi KHz... qualche MHz al massimo-
è necessario fare prove, ma hai bisogno almeno di un ponte di misura e un generatore.



e io che ci ho sperato fino all'ultimo... :'( adesso sto facendo qualche prova per vedere l'effettiva coincidenza, devo costruire un buck da prestazioni e dimensioni discrete e quindi mettere una ferrite enorme non è il massimo, studio e vi so dire


Infatti, come sospettavo tu e Renzo stavate parlando di cose diverse, tu sei interessato a ferriti per alimentatori, mentre i famosi anellini colorati della amidon sono quelli in polveri di ferro usati da tutti i radioamatori del mondo per le alte frequenze, (Bergio Docet)

http://www.amidoncorp.com/iron-powder-toroids/?sort=featured…



La situazione è grave ma non seria.
Renzo91





postato il:
18.05.2013, alle ore 11:52
No schottky, dipende!

Ad esempio, il nucleo giallo-bianco è presente in tutti gli ATX perchè il materiale 26 è una miscela adatta a un ampio range di frequenze.

Diciamo che la maggior parte (NON tutti) dei nuclei amidon son fatti per lavorare a frequenze di MHz piuttosto che kHz.

Io ovviamente non mi riferivo a questi ultimi...

Comunque:
1bisiimarconi:
... devo costruire un buck da prestazioni e dimensioni discrete...

ti consiglio allora di usare nuclei in kool u, uno dei migliori, molto più stabile dei nuclei a miscela 26.




Semplice ed elegante, come sempre la soluzione è sotto gli occhi di chi sa vederla.
schottky





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:11
OK Renzo sul bianco giallo sono d'accordo ma è estremamente raro, invece la maggior parte delle FERRITI amidon sono di color.......FERRITE come puoi constatare di persona su questo link

http://www.amidoncorp.com/ferrite-toroids/?sort=featured&pag…



La situazione è grave ma non seria.
Renzo91





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:24
Schottky, non ci siamo, sono 2 categorie a parte:
- toroidi in polvere di ferro
http://www.amidoncorp.com/iron-powder-toroids/
- toroidi in ferrite
http://www.amidoncorp.com/ferrite-toroids/

Il primo link peraltro ha più tipi del secondo...

1bisiimarconi:
...i tori sono quelli COLORATI, di dimensione compresa tra poche decine di millimetri a 5 o 6 cm...


Insomma, l'utente parlava di nuclei colorati, non di nuclei grigi, la maggior parte dei suoi toroidi pertanto sono in polvere di ferro, non in ferrite!



Semplice ed elegante, come sempre la soluzione è sotto gli occhi di chi sa vederla.
schottky





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:27
Era quello che dicevo nel primo post, insieme al fatto che i nuclei del primo tipo si usano essenzialmente per RF e quelli del secondo per le alimentazioni switch


La situazione è grave ma non seria.
Renzo91





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:31

Insomma, l'utente parlava di nuclei colorati, non di nuclei grigi, la maggior parte dei suoi toroidi pertanto sono in polvere di ferro, non in ferrite!

ciò implica che di essi può usarne solo i giallo-bianco (26), blu grigio (1), grigio grigio (3) per un funzionamento nel range dei kHz, OPPURE se ne ha anche grigi scuri (probabilmente ferriti) deve verificare che siano di materiale adeguato, non tutti i toroidi grigi sono in ferrite e non tutte le ferriti hanno lo stesso range di operatività.




Semplice ed elegante, come sempre la soluzione è sotto gli occhi di chi sa vederla.
Renzo91





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:35
aaaah ok, schottky, ci siamo chiariti :-)

quindi essenzialmente l'autore non può usare la maggior parte che ha, ma deve procurarsi delle ferriti adatte.



Semplice ed elegante, come sempre la soluzione è sotto gli occhi di chi sa vederla.
sinalco





postato il:
18.05.2013, alle ore 16:56
schottky:
Era quello che dicevo nel primo post, insieme al fatto che i nuclei del primo tipo si usano essenzialmente per RF e quelli del secondo per le alimentazioni switch


I nuclei colorati possono essere di ferrite o di altri materiali come ad esempio quelli che spessono cadono sotto il nome di polvere di ferro (iron powder).
La colorazione è data dalla vernice che ha la funzione principale di isolare il nucleo e di proteggere il filo che viene avvolto sullo stesso.
La ferrite è un materiale fragile ma molto duro e uno spigolo può incidere lo smalto del filo, inoltre la conducibilità elettriche della ferrite è bassa ma non nulla.
Negli alimentatori a commutazioni a seconda del componente magnetico che vuoi realizzare usi nuclei in polvere di ferro o nuclei in ferrite. Se vuoi realizzare un induttore che deve immagazzinare energia ad esempio quello per il buck converter usi un nucleo a polvere di ferro in quanto ha già per come è fatto un traferro distribuito. Se vuoi realizzare un trasformatore per un push-pull o un ponte ad H devi usare nuclei in ferrite e niente traferro distribuito.
Se vuoi realizzare un magnetico per flyback, che non è un trasformatore come comunemente lo si chiama, usi un nucleo di ferrite con un traferro che calcoli per avere il valore corretto di valore induttivo.
Nel convertitore buck potresti anche usare usare un nucleo di ferrite però con traferro ma, la soluzione a traferro distribuito è la migliore.

Sinalco
segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2014 GRIX.IT - la community dell'elettronica amatoriale