home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca

 
FORUM: Elettronica Generale
Qui si parla di tutto....dall'analogico al digitale, dal software all'hardware, dal semplice crepuscolare al computer.


ronzio amplificatori e chitarre
     
Autore Messaggio opzioni
walter49





postato il:
08.06.2018, alle ore 13:53
ronzio amplificatori e chitarre 

spesso capita che la chitarra ronzi, sia che si tratti di chitarre con pickup passivi, sia che si tratti di chitarre dotate di pickup piezo e di preamplificatore. Molte volte il disturbo è veramente noioso e nel caso dei pickup piezo preamplificati a poco serve usare il filtro notch: occorre diminuire i bassi ed in certi casi anche agire sul controllo della mixer dei segnali pickup piezo/microfono audio di cui il pre è dotato ed azzerando il segnale del piezo. In tutti i negozi di strumenti musicali mi è stato risposto che è il mio impianto elettrico che ha la terra mal collegata. Abitando in un condominio al IV piano posso fare poco, per cui ho trovato una soluzione semplice che avevo adottato negli anni \'70: collego alla massa del jack di uscita della chitarra un bracciale antistatico e lo pongo tra il gomito ed il bicipite. Non scivola via e toglie il ronzio. qualche suggerimento?
double_wrap




una ogni 100 livelli
una ogni 10 livelli


postato il:
08.06.2018, alle ore 16:36
I ronzii di rete e le terre spesso necessitano dello sciamano col tamburo

Battute a parte non e' mettendoti il braccialetto conduttivo collegato alla massa del jack, sia proprio TU a mettere a terra correttamente ll'impianto? La presenza di scarpe e calzini consente comunque il passaggio di qualche microampere che forse (e sottolineo forse) sono sufficienti a fornire ad una qualche terra l'impianto azzerando il ronzio.

L'amplificatore deve essere alimentato con un cavo a tre poli: fase, neutro e terra: il fatto che ci siano tre cavi non significa che siano collegati: verifica col tester e verifica che sulla presa la terra sia collegata al cavo giallo verde. Ricontrolla tutte le masse dell'impianto (cavi bilanciati e sbilanciati, schermi, connettori, telaio, ecc) e verifica il perfetto collegamanto alla presa di terra (sperando che l'impianto condominiale sia efficiente!)




"se peso cado, ma se cado non peso"
adamatj.altervista.org
walter49





postato il:
08.06.2018, alle ore 21:54
il giallo/verde va allo spinotto centrale della spina del 230V ed è collegato anche alla massa del circuito. Le carcasse di quasi tutti i potenziometri (provato con il tester) sono collegate al giallo/verde. Ho provato a scollegare il giallo/verde dall'amplificatore ed il ronzio diminuisce anche se di poco. C'è una differenza del livello del ronzio se toccando la massa del circuito ho le scarpe o se tocco il pavimento con il piede nuodo. La resistenza tra il giallo/verde e altri punti che sono collegati a massa si aggira tra 0,6 e 1,5 Ohm. Avevo in precedenza controllato le saldatura e avevo ritoccato quelle che viste con la lente non sembravano in buono stato. Altro non ti posso dire, è un troubador 30w ed è tutto su un unico PCB. Grazie per l'aiuto, se ci sono altre possibili soluzioni faccio volentieri le prove, in fin dei conti è sempre esperienza che entra.
pippodue




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
09.06.2018, alle ore 07:49
Dovresti provare se spegnendo qualche luce o qualche apparecchio il ronzio cessa, in tal caso l'utenza incriminata dovresti alimentarla tramite un filtro o una ciabatta dotata di filtro, e così anche lo stesso amplificatore che ronza.


anche i grandi uomini, come gli uomini comuni, possono talvolta cadere in errore (Voltaire)
gironico




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
09.06.2018, alle ore 08:01
se purtroppo non è una messa a terra efficiente, dato il n di condomini, una telefonata al luciaio per testare e verificare efficienza di messa a terra la farei... è una spesa che dividerete in molti, sarà un costo quindi accessibile a tutti. Ne và della vostra sicurezza.

Non da escludere che il ronzio provenga da qualche alimentatore a commutazione, complice anche la messa terra scadente.

Prova a disturbo presente a disalimentare uno per volta i carichi con alimentatori switching a bordo.... TV,elettrodomenstici,caldaia ecc....



Piano bimbo fai piano. La Vigna è grande e il trattore è sempre quello che è!
walter49





postato il:
09.06.2018, alle ore 12:23
Ho spento tutti gli utilizzatori, ho tolta la spina tripla, ho tolto la ciabatta, ho anche invertito la spina dell'amplificatore nella presa ma non cambia niente. Ho misurato la tensione esistente nella presa di corrente tra neutro e massa, ci sono circa 3volt di differenza. A questo punto mi arrendo e penso che il problema risieda nel preamplificatore montato dal liutaio che è targato Fishman ma mi sembra tanto una cineseria. Quando la chitarra montava il pre originale ibanez il problema esisteva se usavo l'uscita jack e invece non esisteva quando usavo l'uscita bilanciata su amplificatori con ingresso bilanciato. L'unica prova che posso ancora fare, visto che abito al IV piano è andare a provarlo in cantina dove magari l'eventuale messa a terra balorda fa sentire meno i suoi effetti essendoci meno metri di cavo 230V. vi farò sapere.
Kaput





postato il:
09.06.2018, alle ore 15:19
Fai la prova a casa di un amico.
ilfrankxx




una ogni 10 livelli


postato il:
10.06.2018, alle ore 12:02
Il corpo del musicista stesso è fonte di ronzio, per questo normalmente le corde della chitarra sono collegate a massa attraverso l'attaccacorde (se metallico), così che quando le tocchi anche tu vienei posto a massa e diventi a tua volta uno schermo al ronzio.
Se quando imbracci la chittarra non noti differenze toccando e lasciando le corde, allora può darsi che manchi tale collegamento. Quanto ti accade col braccilae antistatico farebbe pensare a tale possibilità.
walter49





postato il:
13.06.2018, alle ore 19:05
ho utilizzato una chitarra acustica con pickup magnetico Shaller ed ho aumentato la distanza del pick dalle corde a circa 1 cm. come risultato c'è una diminuzione degli acuti e collegando con un filo di rame la massa del jack al temosifone ed il ronzio si è ridotto ad un livello quasi inaudibile. Nessun miglioramento invece collegando a massa anche le corde chenelle chitarre acustiche sono isolate dalla massa del circuito elettronico. Diversa è invece la situazione utilizzando una chitarra acustica, dotata di preamplificatore con pick up piezo sotto il ponte, ma di questa scriverò nei prossimi giorni.
rcc.roberto



[pagine pubblicate]

postato il:
13.06.2018, alle ore 21:19
Una resistenza di 1,5 ohm tra cavo di terra e masse mi sembra alta, dovrebbe essere 0.

segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2018 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale