home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca

 
FORUM: Elettronica Generale
Qui si parla di tutto....dall'analogico al digitale, dal software all'hardware, dal semplice crepuscolare al computer.


Alimentatore Stabilizzato 1-30V 0-10A V.Crapella [Problema]
     
Autore Messaggio opzioni
MANU97





postato il:
25.03.2020, alle ore 21:35
Alimentatore Stabilizzato 1-30V 0-10A V.Crapella [Problema] 

Buonasera a tutti!
Scrivo qua perchè ho un problema nell'alimentatore stabilizzato che mi sono costruito per il mio banco.

Ho seguito il progetto del mitico Vittorio Crapella "Alimentatore Definitivo": https://sites.google.com/view/elettronica-di-vittorio-i2viu/… a circa metà pagina.





Ecco qua, ancora da ultimare, ma l'essenza è quella :)
Sono in realtà due alimentatori, uno per lato.
Trasformatore con due secondari 0-25V 10A

E' un progetto che avevo iniziato anni fa, poi praticamente è andato avanti ad una saldatura a settimana!...Ora il tempo di virus ha creato tempo libero h24...dunque eccomi qua che lo voglio concludere (sperando non mi servano altri componenti da acquistare, se no ahimè!).

Vado dritto al problema:
Ali N°1, carico resistore di potenza 12 ohm
1.2V in uscita, 33.7V su C1 (Dopo il preregolatore)
28.2V in uscita, 34.2V // //
A vuoto ho 32.8V in uscita e 34.2 su C1

Ali N°2, sempre carico fisso 12 ohm
1.2V in uscita, 23.4V su C1
27.0V in uscita, 29.6V su C1
A vuoto 30.8V in uscita e 33.0V su C1

[Primo valore con potenziomentro per la minima tensione, e secondo valore per la massima tensione. Potenziometro per la regolazione della corrente al max]

La regolazione della corrente funziona in tutte e due i circuiti.

Però effettivamente il preregolatore non funziona, sperando poi ci sia solo quello di guasto.

Qualche giorno fa nei vari test che facevo ho collegato un carico di circa 10A di colpo all'uscita e mi ha mandato in corto emettitore ed collettore di un MJ2955 con annessa tensione massima in uscita.
Sostituendolo si è tornati alla normalità, eccetto il problema del preregolatore che non funziona...ma se per quello neanche nell'altro alimentatore.

Ho fatto diverse prove un po' frammentate anche nel tempo e così sono in panne totale
Mi ricordo bene però che uno dei due alimentatori l'avevo caricato per bene...matassa di cavo da 1.5mm2, poco più di un ohm di resistenza. Partito da tensione minima sino alla massima aveva retto senza problemi 12.5A e 13.9V (limitando la corrente la tensione di conseguenza non può essere più alta con poco più di 1 ohm di carico), ma so che tirava fuori anche diversi Ampere alla massima tensione di circa 30/31V senza avere un minimo scostamento!

Qualcuno potrebbe darmi una mano a trovare il (i) problemi?

Grazie :)

P.S. in realtà dissaldando tutti i transistor, scr e regolatore il problema esce fuori, ma non tanto per pigrizia, ma perchè per come ho costruito l'ambaradan smontare qualcosa è un impresa... preferirei andare il più possibile dritto al sodo :D




ax77





postato il:
26.03.2020, alle ore 01:17
per curiosità sono stato sul sito da te linkato e dopo aver letto questa pagina

https://sites.google.com/view/elettronica-di-vittorio-i2viu/…

ritengo che nulla di ciò che è pubblicato sia degno di commenti.



\"Il circuito ha sempre ragione\" L.Malesani

Ice o Cassinelli son sempre momenti belli

Il 555 sta all\'elettronica come arduino all\'informatica: entrambi loro malgrado.
agric





postato il:
26.03.2020, alle ore 04:28
ax77:
per curiosità sono stato sul sito da te linkato e dopo aver letto questa pagina

https://sites.google.com/view/elettronica-di-vittorio-i2viu/…

ritengo che nulla di ciò che è pubblicato sia degno di commenti.


Non volermene di per se il tuo post è un commento!



meglio essere un granello di pepe che una cacca d'asino
still



[pagine pubblicate]

postato il:
26.03.2020, alle ore 07:25
ax77:
per curiosità sono stato sul sito da te linkato e dopo aver letto questa pagina

https://sites.google.com/view/elettronica-di-vittorio-i2viu/…

ritengo che nulla di ciò che è pubblicato sia degno di commenti.


Magari bisognerebbe restare sul pezzo e parlare di alimentatori,il link postato da te nulla c'entra con la richiesta



Nulla da dichiarare
amilcare.c



[pagine pubblicate]

postato il:
26.03.2020, alle ore 08:03
Dando per scontato che la regolazione in corrente funzioni si può procedere con un carico tale da evitare inutili surriscaldamenti, i finali non potranno che essere felici .
Innanzitutto va cercato di capire se lo zener di controllo sia ancora integro in maniera da avere un segnale di controllo per il preregolatore.
Conosco quel circuito, lo ho analizzato a fondo per crearne una mia versione senza scr, non amo quel tipo di componenti e se posso ricerco soluzioni alternative.
Una volta stabilito che è presente la tensione di controllo si procede a ritroso per controllare se lo scr effettivamente si innesca e questo è un po' più complicato senza un oscilloscopio, deve innescarsi ad una frequenza di 100Hz.
Se anche quello va non resta che volgere lo sguardo sui finali di preregolazione o sul suo pilota PNP.



http://www.elettroamici.org/

Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che tu sei,
la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te.
E quello che gli altri pensano di te è problema loro.
Charlie Chaplin

Elettronica: il LEGO dei grandi
MANU97





postato il:
26.03.2020, alle ore 16:02
Posto lo schema direttamente per semplicità di chi legge la discussione, ma è sempre meglio leggersi tutto l'articolo di Crapella che riferisce diversi dettagli.


amilcare.c:
Dando per scontato che la regolazione in corrente funzioni si può procedere con un carico tale da evitare inutili surriscaldamenti, i finali non potranno che essere felici .
Innanzitutto va cercato di capire se lo zener di controllo sia ancora integro in maniera da avere un segnale di controllo per il preregolatore.
Conosco quel circuito, lo ho analizzato a fondo per crearne una mia versione senza scr, non amo quel tipo di componenti e se posso ricerco soluzioni alternative.
Una volta stabilito che è presente la tensione di controllo si procede a ritroso per controllare se lo scr effettivamente si innesca e questo è un po' più complicato senza un oscilloscopio, deve innescarsi ad una frequenza di 100Hz.
Se anche quello va non resta che volgere lo sguardo sui finali di preregolazione o sul suo pilota PNP.


Grazie per la risposta Amilcare. Ho appena misurato ai capi dello zener in tutti e due i circuiti e la tensione è corretta, 6.15/6.13V.

L'oscilloscopio non manca, ho un Unaohm e un più moderno Philips :)
Devo misurare cosa esce sul Gate? Anche a seconda della regolazione del potenziometro?



amilcare.c



[pagine pubblicate]

postato il:
26.03.2020, alle ore 17:09
Non vedo l'immagine
Il gate viene eccitato con impulsi a frequenza di 100Hz, lo spostamento dallo zero dipende dalla tensione di uscita.In pratica confronta la tensione di ingresso raddrizzata con quella di uscita e quando la semionda supera quella di uscita piu zener si innesca lo scr che cortocircuita a massa il segnale di pilotaggio e interdice i finali del preregolatore, essi smetteranno di caricare l'elettrolitico principale, di fatto la carica dei condensatori si interrompe alla tensione di uscita aumentata del valore dello zener. Il successivo passaggio per lo zero della semionda spegne lo scr che rimane in attesa dell successivo innesco.
Se in uscita imposto 12V lo elettrolitico si caricherà a 18V circa e questi 6V saranno la caduta del finale per la stabilizzazione di uscita.



http://www.elettroamici.org/

Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che tu sei,
la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te.
E quello che gli altri pensano di te è problema loro.
Charlie Chaplin

Elettronica: il LEGO dei grandi
amilcare.c



[pagine pubblicate]

postato il:
26.03.2020, alle ore 17:23
Questo segnale invertito lo devi trovare nelle basi dei prefinali, se non lo trovi uno dei componenti a valle dell'interruzione è danneggiato



http://www.elettroamici.org/

Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che tu sei,
la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te.
E quello che gli altri pensano di te è problema loro.
Charlie Chaplin

Elettronica: il LEGO dei grandi
MANU97





postato il:
27.03.2020, alle ore 21:08
Mannaggia alle immagini! Ora ritento da un altro server hosting:


Sto smontando tutto quanto...oramai ho ben capito che c'è da menarsela un po' .
In uscita al Gate risulta una tensione di 27Vdc dal momento che in uscita porto la tensione a 27V sino alla minima. Sopra i 27V in uscita sul Gate la tensione è 0.

Al momento ho misurato i due 2N3055 di un alimentatore...E-C in corto :(
Non ho più risorse nei cassetti... giacchè devo ordinarne di nuovi, avete da consigliarmi qualche transistor duro a morire da sostituire ai due attuali?
Acquistando solitamente da TME vedo di interessante i 2N5886, MJ15003 e i NTE181. Più o meno sullo stesso prezzo, ma dai datasheet decisamente più robusti. Che ne pensate?

amilcare.c



[pagine pubblicate]

postato il:
27.03.2020, alle ore 22:12
Stano che siano i corto I 3055
So che in giro ci sono tanti transistor rimarcati per lucrare ma il 3055 è economico di suo non converrebbe una azione simile.
Inoltre TME è seria e non tratta materiale di bassa qualità. Comunque continuo a ribadire, nel preregolatore i finali fanno da interruttore e potrebbero essere sostituiti con dei mosfet. Interrompono la conduzione e basta, lavorano in saturazione o interdizione, la dissipazione è comunque minima, ammettendo una vce di saturazione di un Volt avresti con 10A 10 W da dividere su due transistor.
Ho avuto problemi su quel tipo di regolazione col trasformatore che diventa rumoroso a causa della parzializza ione della conduzione ma i finali del preregolatore non si rompono. Fammi sapere i prossimi sviluppi




http://www.elettroamici.org/

Preoccupati più della tua coscienza che della reputazione.
Perché la tua coscienza è quello che tu sei,
la tua reputazione è ciò che gli altri pensano di te.
E quello che gli altri pensano di te è problema loro.
Charlie Chaplin

Elettronica: il LEGO dei grandi
segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2020 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale