home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca

 
FORUM: Musica ed elettronica
Ti piace la musica e l'elettronica... discutine qui.


Dubbi su Classe A
     
Autore Messaggio opzioni
MB54




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
11.07.2019, alle ore 08:46
Elettrotecnico88:
avevo pensato di usare un editor audio come audacity e la scheda audio del PC.


Usavo audacity per manipolazione dei segnali;non so se ha strumenti quali voltmetro ac, generatore di segnali ecc. Ci sono comunque centinaia di sw freeware per questo utilizzo.


Elettrotecnico88:

In punti per il test della corrente dovrei metterli in serie agli anodi giusto? Vanno bene dei morsetti a vite con in ponticello o ci sono soluzioni più eleganti?


Per i triodi meglio sul catodo: le correnti sono uguali, ma a bassa tensione. Per il pentodo idem; ma se vuoi misurare separatamente corrente di anodo e di griglia, devi metterne due su anodo e griglia. Metti il tipo di ponticelli che trovi, purchè sopportino tensioni e correnti esistenti.


Per il calcolo della cr dovrei calcolare il guadagno ad anello aperto giusto?[/quote]

come ti ho già detto, la dispersione dei parametri delle valvole nuove era (a suo tempo) notevole. Se sono NOS non è certamente migliorata; se sono di produzione attuale ancora peggio. Io farei funzionare il tutto senza CR, vedrei correnti-tensioni-guadagni e solo dopo penserei a calcolare la CR sul caso reale. Il guadagno calcolato ad anello aperto penso che sarà significativamente diverso da quello misurato: tanto vale misurare il secondo, che è reale. Poi ti calcolerai due o tre set di CR e a orecchio troverai quella più convincente per i tuoi diffusori e con il tuo genere preferito di musica.
La CR migliorerà ovviamente la banda passante ( che però i diffusori monovia doppio cono hanno già limitata in partenza), ma migliorerà soprattutto il fattore di smorzamento che, per musiche diverse da un concerto per solo flauto, è sempre meglio cercare di alzare il più possibile.
pippodue




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
11.07.2019, alle ore 10:01
Se lo schema è quello semplice che penso io, meglio mettere sopra il telaio dei semplici ancoraggi connessi al catodo. Col tester in posizione di voltmetro basterà leggerne la tensione verso massa, essendo nota la resistenza verrà di conseguenza il valore della corrente. Meglio ancora mettere una resistenza da 1 ohm esatto in serie verso massa, così il calcolo della corrente è immediato e se facciamo errori col tester non surriscaldiamo la valvola.


anche i grandi uomini, come gli uomini comuni, possono talvolta cadere in errore (Voltaire)
lukyluke




una ogni 10 livelli


postato il:
11.07.2019, alle ore 14:02
Come sistema di misura compreso generatore e analizzatore di spettro, oscilloscopio ecc.. Le consiglio di provare Visual Analyser è un software gratuito e con un piccolo investimento su una interfaccia esterna che protegga l'ingresso audio si possono fare delle misure decenti, su Nuova elettronica può trovare una serie di articoli che ne parlano e spiegano come usarlo.
Elettrotecnico88





postato il:
11.07.2019, alle ore 20:22
 qui il codice 
non so se ha strumenti quali voltmetro ac, generatore di segnali ecc. Ci sono comunque centinaia di sw freeware per questo utilizzo.


Voltmetro AC mi pare di no, ma per quello collegherei il dso150 ed un voltmetro molto sensibile all'uscita del jack.
Il mio problema, se vogliamo chiamarlo così, è che utilizzando Linux non ho tantissima scelta riguardo i sw da utilizzare, e audacity sembra la scelta migliore come generatore di funzioni dato che è un buon editor audio.

calcolerai due o tre set di CR e a orecchio troverai quella più convincente per i tuoi diffusori e con il tuo genere preferito di musica.


A questo punto potrei anche usare un selettore per poter scegliere la cr a seconda del tipo di di musica, o escluderla del tutto. Ho visto che è un argomento molto dibattuto sui forum. Ho letto anche di persone che dicono che sia meglio inserire più controreazioni locali che una globale per via del carico... Argomento molto interessante insomma.


Se lo schema è quello semplice che penso io, meglio mettere sopra il telaio dei semplici ancoraggi connessi al catodo. Col tester in posizione di voltmetro basterà leggerne la tensione verso massa, essendo nota la resistenza verrà di conseguenza il valore della corrente. Meglio ancora mettere una resistenza da 1 ohm esatto in serie verso massa, così il calcolo della corrente è immediato e se facciamo errori col tester non surriscaldiamo la valvola.


Lo schema è tipo quello postato poche pagine fa, anche se ho cambiato i valori delle resistenze e sostituito il tu con i morsetti corrispondenti per iniziare a sbrogliare lo stampato. Lo posterò appena avrò di nuovo internet. Avevo pensato anch'io di misurare la tensione di catodo o di mettere delle resistenze da un ohm , però non so con queste resistenze quanto possa essere esatta la misura di correnti piccole come quelle che girano nei triodi, o nelle griglie.

Le consiglio di provare Visual Analyser


Se gira su Linux volentieri, lo scarico appena risolvo la questione di internet con Fastweb... Purtroppo ora ho solo lo Smartphone. Però la prego se possibile di non darmi del lei, perché mi fa sentire più anziano di quanto già non sia!

Grazie mille a tutti per i consigli.
MB54




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
12.07.2019, alle ore 10:01
Elettrotecnico88:
..
.un selettore per poter scegliere la cr a seconda del tipo di di musica, o escluderla del tutto. Ho visto che è un argomento molto dibattuto sui forum. Ho letto anche di persone che dicono che sia meglio inserire più controreazioni locali che una globale per via del carico... Argomento molto interessante insomma.


A STRAFARE sarebbe utile che il selettore fosse multiplo, in modo da poter modificare anche la sensibilità all' ingresso. La CR ti attenua il segnale, per cui selezionando la CR avrai un volume sonoro finale molto variabile; il livello del volume influenza molto il giudizio al momento della commutazione. E' solo un gadget comunque.
Nel tuo schema hai comunque già delle CR locali: la ECC81 è controreazionata al 100%.
Correggendo l' errore di C7 che deve chiudersi su R3 e non ha massa, hai CR locale su R4 anche per la ECC83 , anche in assenza di R?.
Le opinioni sono tutte lecite ed è buona cosa un poco di CR locale (anche solo per compensare la dispersione dei parametri delle valvole nonchè l' invecchiamento ... ma...la CR locale ti aumenta la resistenza interna del tubo; sulla finale non è buona cosa, tenendo conto anche della Rdc (non bassa) del TU non può che peggiorati il fattore di smorzamento (già basso).
La ECC83 ha una Rint spropositata: aumentarla può non essere una buona idea.
Tutto da provare.

Elettrotecnico88:

...possa essere esatta la misura di correnti piccole come quelle che girano nei triodi, o nelle griglie.


misurare la corrente di griglia mi pare difficile. Puoi mettere molti kohm in serie alla griglia e misurare dV; la difficoltà però deriva dal rumore che ti introducono i normali puntali per cui leggi una storia non vera. Dovresti allestire un apposito puntale con fili molto corti, capacità// molto bassa e Rserie molto alta.
La corrente nei triodi la puoi misurare (volendo) come tensione ai capi di R4 e Rnon si legge... cambia impostazioni al CAD, è illeggible.

lukyluke




una ogni 10 livelli


postato il:
16.07.2019, alle ore 16:24
Su linux gira abbastanza bene con Wine, avevo una versione di UBUNTU su un vecchio Pentium 4 e girava con la macchina virtuale, penso che con qualche macchina più recente dovrebbe andare meglio..
schottky





postato il:
17.07.2019, alle ore 07:28
Per vedere se l'ampli 'funziona' e per misurare il guadagno sotto Linux si può usare Xoscope http://xoscope.sourceforge.net/. Per fare cose più complesse direi
che state parlando di un ampli audio 'esoterico' in classe A, a tubi, con grandi aspirazioni, da cui si attende una prestazione molto elevata, e poi si suggerisce di provarlo con strumenti rudimentali come le schede audio di un PC. Il principio di ogni misura in BF è quella di usare strumenti con precisione elevata, banda passante molto maggiore e rumore molto inferiore rispetto al dispositivo da provare.



Il vantaggio di essere intelligente e' che si puo' sempre fare l'imbecille, mentre il contrario e' del tutto impossibile. -- W. Allen
Elettrotecnico88





postato il:
17.07.2019, alle ore 09:09
Correggendo l' errore di C7 che deve chiudersi su R3 e non ha massa, hai CR locale su R4 anche per la ECC83 , anche in assenza di R?.


Ciao, è una considerazione che avevo fatto anche io, infatti fra le opzioni alle quali avevo pensato c'era quella di bypassare completamente la resistenza di catodo e sostituire r4 con una resistenza da 100 ohm solo per la retroazione globale, poi si può provare e riprovare...

cambia impostazioni al CAD, è illeggible.


Sì, scusa ma nella fretta di disegnare lo schema ho fatto un pastrocchio, a dire il vero vorrei prima di tutto sbrogliare lo stampato, fare le prove definitive e poi ridisegnarlo da capo. Appena a casa lo posti, scusate l'assenza ma Fastweb mi sta dando dei grattacapi non da poco!

Su linux gira abbastanza bene con Wine, avevo una versione di UBUNTU su un vecchio Pentium 4 e girava con la macchina virtuale, penso che con qualche macchina più recente dovrebbe andare meglio


Benissimo, appena arrivo a casa scarico, installo e provo. Io ho un Pentium i5 con una Debian, non molto diversa da Ubuntu.

Per vedere se l'ampli 'funziona' e per misurare il guadagno sotto Linux si può usare Xoscope http://xoscope.sourceforge.net/. Per fare cose più complesse direi
che state parlando di un ampli audio 'esoterico' in classe A, a tubi, con grandi aspirazioni, da cui si attende una prestazione molto elevata, e poi si suggerisce di provarlo con strumenti rudimentali come le schede audio di un PC. Il principio di ogni misura in BF è quella di usare strumenti con precisione elevata, banda passante molto maggiore e rumore molto inferiore rispetto al dispositivo da provare.


Xoscope l'ho già usato per dei preamplificatori e ricordo che per quel che mi serviva faceva benissimo il suo lavoro. L'amplificatore non ha grosse pretese, per ora sono componenti che avevo nel cassetto che con il vostro aiuto sto cercando di trasformare in qualcosa di suonante, quindi lo strumento di misura principale sarà il mio orecchio, peraltro poco affidabile.

MB54




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
17.07.2019, alle ore 09:37
schottky:
...da cui si attende una prestazione molto elevata


Non credo proprio. Ogni sua caratteristica elettrica misurabile sarà di molto inferiore a quella di una qualunque scheda audio. Banda passante, rumore, distorsione ecc. di una scheda audio bordo PC sono normalmente molto migliori di quelli di un ampli a valvole. Alcune hanno un taglio piu' o meno ripido attorno ai 20 Hz, cosa che può essere immediatamente controllata con RightMark Audio Analyzer (per Win): ciò non è comunque grave, perchè difficilmente questo ampli scenderà sotto i 20 Hz. Anzi lo escludo (inoltre non c'è musica )

Quello che serve è uno strumento software (uno delle migliaia per Windows. Io usavo Arta, http://www.artalabs.hr/ ) in grado di misurare in maniera rapida ed automatica la risposta e la distorsione in banda passante. Il software deve quindi avere generatore sweep, relativo voltmetro per la BW e la FFT, Chiaramente una scheda a 24bit 192k di qualità ti consentirà una valutazione delle armoniche a frequenze superiori e maggiore accuratezza, mentre con le normali schede hai limiti sulle frequenze superiori. L' oscilloscopio non serve o serve a poco.

L' obiettivo delle misure (se fattibili con Linux) deve essere chiaro: trovare i bias ottimali che minimizzano la distorsione, massimizzano la potenza, presentino un clipping il più possibile soft e (per quanto possibile) migliorino BW e smorzamento giocando sulla Rint della finale. Poi c'é la controreazione: quanta, come e dove e quali effetti ha.

Stiamo comunque parlando di un ampli rumoroso (rispetto allo s.s.), con BW large signal limitata probabilmente a 30-15000 Hz (senza CR), forse meno, e con distorsioni a 1-2 W dell' ordine del 2-5% (THT), anche peggio.
Per trovare il bandolo della matassa non serve quindi un Audio Precision, ma basta ottenere una buona idea su ciò che avviene. https://www.ap.com/

MB54




una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli una ogni 10 livelli


postato il:
17.07.2019, alle ore 09:43
Elettrotecnico88:
[quote] ....quindi lo strumento di misura principale sarà il mio orecchio...



Auguri

Spesso si sente ciò che si vuole sentire, e non solo in audio.
segui questo thread con grixFC, per questa funzione devi aver installato il software grixFC

torna su
     

Come utente anonimo puoi leggere il contenuto di questo forum ma per aprire una discussione
o per partecipare ad una discussione esistente devi essere registrato ed accedere al sito




 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2019 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale