home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca
 
AC VOLTAGE DETECTOR tipo: livello:
test rapido presenza tensione
 
 



AC VOLTAGE DETECTOR

 


INTRODUZIONE:

In seguito ad un intervento di manutenzione,  una squadra di tecnici elettricisti in prossimita' di cavidotti con
conduttori  isolati e di solo passaggio, testavano  mediante una grossa penna (cosi' mi sembrava a prima vista)
i conduttori presenti ed avvicinandola  ai cavi, si illuminava.

Incuriosito, la risposta ad una mia domanda e' stata:
" non sappiamo come funziona ma e' molto utile per individuare i cavi in tensione con o senza il carico applicato! ".

Sempre incuriosito ho fatto una ricerca in merito trovando l' esatto equivalente corredato anche
da un breve principio di funzionamento al seguente link:

 

  


Quindi appurato il sistema di rilevazione delle cariche elettrostatiche in presenza di un campo elettrico, ho
voluto fare alcune prove con l' ostinata decisione di replicarlo.
 

 
DESCRIZIONE:
 
Come componente iniziale, ho scelto un FET "BF245"  (N-channel junction field effect transistor) del quale
gia' conoscevo una applicazione a Gate aperto per rilevare le cariche elettrostatiche presenti nell' aria.
Una volta collegato, ho applicato un tester in Vcc sul Drain e massa constatando una rilevante
variazione avvicinando un cavo di alimentazione  protetto dalla propria guaina isolante ed in tensione
(230Vca), sul Gate.
Probabilmente il successo di questa prima prova e' dovuto alla alta impedenza di ingresso del FET
(10 Megaohm circa) e le cariche elettrostatiche accumulate ne determinano un valore di polarizzazione
adeguato ed una conseguente variazione di conduzione lato Drain/Source.
Infatti, a riposo sul Drain misuro un valore di 0,15Vcc che passa a 1,2Vcc quando il Gate viene influenzato
dalla vicinanza del campo elettrico.
Gli stadi che seguono (TR1, IC1), in configurazione " trigger di Schmitt ", servono a scandire lo stato on/off
del led di segnalazione in fase di misura.
 
 
 
 

Componenti:
 
R1 = 1M   SMD 105                              
R2,R3,R4 = 10K    SMD 103               
R5 = 1K     SMD 102                              
R6 = 680R  1/4W                                
C1= 1uF      SMD  20VL                          
C2 = 22 nF   SMD 50VL                        
C3 = 6,8uF   SMD  20VL                       
FT1 =  N-FET  BF245
TR1 =  BC547  NPN
IC1   =  NE555
LED1 =  LED alta luminosita' bianco o rosso
BT1 =  batteria 12v   MN 21/23 per telecomandi
PS1 =  pulsante NO
S1 =    reoforo 20-25 mm

La parte sensibile che cattura le cariche elettrostatiche e' uno spezzone di filo di rame di una lunghezza
da 20 a 25 mm, e ne determina la sensibilita'. Eccedere in questi valori significa raccogliere una infinita'
di cariche elettrostatiche nell'ambiente circostante pregiudicando il corretto funzionamento.
Il circuito, a riposo ed alimentato, ha un consumo di 10 mA mentre con il  led acceso di 25 mA totali.
 
 
 
 
Realizzazione pcb:

 
 

Il circuito abbastanza contenuto nelle dimensioni  e per una comoda manipolazione fa uso di alcuni
componenti  in SMD recuperati dal mio surplus.
L' asola prodotta sullo stampato serve di contenimento alla batteria da 12V, evitando in caso di urti
accidentali una fuoriuscita dalla sede.
 
Il pcb nel formato Fidocad, lo troverete nel pacchetto zippato in fondo alla pagina.
 
 

Prototipo realizzato:

 
 

Anche se il test da effettuare non comporta un contatto diretto, e' opportuno racchiudere il circuito in un
contenitore isolato. Un pezzo di tubo plastico per impianti elettrici, due tappi  in nylon (lavorati) e la punta
di plastica semitrasparente ricavata dal beccuccio di una cartuccia di silicone, assolvono
abbondantemente a qualsiasi fonte di pericolo.
Un altro uso simile e' quello del noto " cercafase " e come tale, sfruttando il nostro corpo come massa
di riferimento, riesce ad individuare tramite l' accensione del led la fase di un impianto elettrico.
Aggiungo:  una prova sugli elettrodomestici o utensili e strumenti del vostro laboratorio se effettivamente
risultano collegati a terra (esclusi quelli a doppio isolamento).
In caso contrario il led segnala, illuminandosi, la presenza di potenziale elettrico.
 
In ogni caso si raccomanda dopo un test effettuato con questo sistema di fare misure ulteriori  con
strumenti tradizionali per un sicuro accertamento.
 

Test ad un cavo in tensione:

 
 
 

 





  il parere della community
esprimi il tuo voto approvi questa pagina? promo


  non sei autenticato, per questo non puoi visualizzare i commenti sulla pagina. Se sei registrato accedi oppure registrati.


difficoltà
costo
informazioni
Questa pagina è stata creata da beppemura
il 19/05/2012 ore 07:20
ultima modifica del 20/05/2012 ore 19:52
la pagina è stata visitata 5993 volte




Lo staff di www.grix.it non si assume responsabilità sul contenuto di questa pagina.
Se tu sei l'autore originale degli schemi o progetti proposti in questo articolo, e ritieni che siano stati violati i tuoi diritti, contatta lo staff di www.grix.it per segnalarlo.

   
 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2021 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale