home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca
 
DOCTOR WHO & DOCTOR HOUSE MEDICAL DIVISION... tipo: livello:
"La Cintura della Vita"... Il possibile legame tra Energia Elettromagnetica e la salute dell'Uomo. Una applicazione delle teorie di Tesla - Lakohwsky, l'effetto Aharonov-Bohm e le funzioni biologiche.
 
 



 

Doctor Who & Doctor House...

Come fare un articolo un pò diverso dai soliti,
con un minimo di elettronica inside...

"La Cintura della Vita" 

 

                
clicca per ingrandire
     
Doctor WHO Doctor House ( io?)

 

 

Il possibile legame tra

Energia Elettromagnetica

e la salute dell'Uomo.

Una applicazione delle teorie di Tesla - Lakohwsky,

l'effetto Aharonov-Bohm e le funzioni biologiche.

 

Premessa sull'iconografia utilizzata

La maggior parte delle immagini sono state estrapolate da filmati, articoli e quant'altro ho utilizzato in un lasso di tempo di oltre un anno, parte delle immagini sono state invece fatte da me  e parte sono rielaborazioni di idee prese quà e là nel web, di cui non ho più traccia, di ciò di cui ho traccia, ho messo il relativo link all'origine.

Il mio Grande Maestro di Vita ( e di lavoro...) mi insegnò ai suoi tempi un sistema di cura delle affezioni muscolo-scheletriche e locomotorie, basato su un'apparecchiatura di stimolazione elettrica di derivazione dai lavori di Nikola Tesla e sopratutto dalle applicazioni successive che ne fece George Lakohwsky.

 

 
clicca per ingrandire
 
Nikola Tesla Georges Lakohwsky

 

Di recente mi sono occupato di capire come mai i sistemi  di stimolazione muscolare basati sugli oscillatori aperiodici risultano più efficaci di altri  sistemi nella riabilitazione muscolare sia degenerativa che post  traumatica.

Dall'esperienza maturata, ho capito che una possibile chiave interpretativa di questa efficacia potrebbe basarsi su un fenomeno della fisica quantistica che va sotto  il nome di "Effetto Aharonov-Bohm", che potrebbe spiegare anche i fenomeni osservati da Tesla.

I lavori di Tesla prima e le successive applicazioni di Lakohwsky poi, hanno messo in evidenza come sia  possibile trattare tessuti umani in degenerazione con le  sue apparecchiature, e avendo poi raggiunto risultati incoraggianti, in seguito avrebbero necessitato di ulteriori conferme in campo clinico -  tecnico, che tuttora ancora non sono stati approfonditi se non da appassionati delle teorie del Tesla e del Lakohwsky.

 

 

Noto Grixiano e Mr. X... chissà cosa si volevano riabilitare,
qualcuno dovrebbe spiegargli che... quello... non è un muscolo...

La base di queste tecniche consiste nel sottoporre ad irradiazione elettromagnetica o il  tessuto soggetto a degenerazione, o anche l'intero paziente per mezzo appunto di  un campo elettromagnetico generato da un'apparecchiatura  ad alta tensione, alimentata con uno o due generatori di  Tesla.

Sembra che l'effetto maggiore si abbia quando il Tesla è  di tipo spinterometrico, piuttosto che di tipo SSTC.

Citando il Lakhovsky:

 

 
omissis ... dal punto di vista pratico, avendo osservato che la malattia risulta dallo squilibrio oscillatorio cellulare, ho studiato di ristabilire attorno all’organismo il campo d’onde nel suo valore normale, creando generatori locali di oscillazioni. … omissis 

Lakhovsky ipotizzò e sposò una spiegazione biofisica, olistica e minimalista della dimensione biologica, sia macroscopica che microscopica, basata unicamente su due principi fisici dell'oscillazione elettromagnetica.
Sempre secondo Lakhovsky,  la risonanza e l'interferenza elettromagnetica condizionerebbero l'intera biochimica e, in funzione delle modalità operative, risonanza e interferenza promuoverebbero effetti farmacologici sia profilattici sia terapeutici oppure unicamente iatrogeni.


In base a questo assunto, finora non era molto chiaro come  potesse avvenire questa "rimessa in funzione operativa" dei tessuti  in degenerazione.


Una Premessa:
L'Effetto Aharonov-Bhom

Nel 1959 due fisici, Yakir Aharonov e David Bhom pubblicarono su 'Phisical  Review' una teoria secondo cui il solo potenziale vettore  A potesse (come il Vettore elettrico E o magnetico B)  influire sulle particelle nel classico esperimento della  doppia fenditura (entanglement) senza che fosse presente  nessun altro campo.

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
Il Vettore potenziale A Esperimento della doppia fenditura

 

La dimostrazione veniva realizzata tramite due  esperimenti, noi ci interesseremo ora del primo dei due.

Da un cannone elettronico che lavorava nel vuoto,  venivano emessi due fasci di elettroni che andavano a  colpire degli schermi, e una volta riflessi da questi  schermi, andavano a colpire un bersaglio-visore dove si  formava la classica figura d'interferenza tra le due  onde.  


http://www.youtube.com/watch?v=wEzRdZGYNvA


Aharonov e Bohm nel classico esperimento della doppia  fenditura, inserirono invece un elemento in grado di  assorbire i campi magnetici circostanti, lasciando solo  attivo il vettore A.
La soppressione del campo magnetico, veniva realizzato  con l'interposizione di un solenoide cosiddetto "ideale",  nel mezzo del cammino (... di nostra vita...) dei due raggi.

   

clicca per ingrandire
Esperimento di Aharonov-Bohm


 
In questo filmato possiamo osservare l'effetto della presenza del Vettore A con il cambiamento di fase sulla figura di interferenza:

http://www.youtube.com/watch?v=OgDPK5MLVnE

In questo filmato invece si evince come al diminuire del vettore campo magnetico M, l'effetto Aharonov-Bohm diminuisca.


http://www.youtube.com/watch?v=sT6OyzJ8Oqw&feature=related

 
Ebbene, una volta alimentato il solenoide, come abbiamo visto nei filmati, la figura di  interferenza si modifica perchè il potenziale vettore A , scomparso il vettore M, va a modificare la fase degli elettroni, come si vede da questo filmato sull'esperimento di Aharonov-Bohm .
 

http://www.youtube.com/watch?v=6xMiaGyWUu8


Questo fenomeno non può essere spiegato tramite la fisica  classica poiché, in un solenoide ideale, l'intero flusso  magnetico B è contenuto all'interno di esso e nessun  campo è presente all'esterno.
In quegli anni si pensò che il fenomeno osservato fosse  dovuto ad artefatti, ad errori o alla tenuta non perfetta  del solenoide.

Nel 1982 però l'esperimento fu nuovamente replicato dal  fisico Akiro Tonomura, il quale con l'uso dei  superconduttori e di raffinate tecniche, dimostrò come  l'effetto fosse reale, confermandone l'esistenza.

clicca per ingrandire
L'esperimento di Aharonov-Bohm ripetuto da Tonomura Schema dell'esperimento di Aharonov-Bohm ripetuto da Tonomura

     

 

clicca per ingrandire

 


Presenza del Vettore A e del CM B

 

Le conclusioni dei vari esperimenti furono a dir poco  stupefacenti.

Praticamente, in una zona dove non e' presente nessun  campo elettrico E nè magnetico B (E=B=0), il potenziale  vettore A può essere diverso da 0 ed in grado di  modificare il comportamento delle particelle che passano  in quella regione.

  

L'effetto e' attualmente ampiamente documentato e ormai praticamente  accettato da tutti, ma le sue possibili implicazioni non  sono state però ancora scoperte nè definite, e con ogni probabilità nemmeno ben comprese.

In soldoni, c'era "qualcosa" che spostava la fase  degli elettroni: il sistema sembrava cioè possedere più energia di  quanta gliene fosse fornita.

Il problema era di poter stabilire da dove provenisse  questo quantum di energia "in più"...

A questo punto, lo stesso Aharanov, insieme ad un altro fisico,  Anandan cercarono di dare una risposta: essi infatti si  spinsero ancora più avanti, affermando che la modifica di  fase pur collegata alla fase geometrica (fase di Berry)  era libera da costrizioni adiabatiche (cioè  contemplava  la possibilità di uno scambio di energia ).

Un altro ricercatore, Bearden,  si ricollega ed elabora,  proprio quanto detto da Aharanov-Anandan, interpretando  il Vettore A come una specie di onda elettromagnetica (di  tipo "Scalare", lo stesso tipo di onde di cui parlava Nikola Tesla).

Bearden affermò che era possibile "spillare" energia da  questa "Onda scalare" usando opportune tecniche.
Quindi si convinse che il Vettore A potesse interagire  con il Campo E, e/o con il Campo B, fornendo non solo  potenziale ma anche Energia.

Nei sistemi spinterometrici degli apparati di Tesla, sembra che avvenga la stessa  cosa, nella forma degli andamenti tensione-corrente,  sembra che al momento  dell'apertura dei contatti, vi sia  una specie si sovraelongazione dell'impulso di corrente  che passa, una sovraelongazione addirittura maggiore che nella chiusura: da dove provenga  questa parte di energia che appartiene alla porzione  sovraelongata, non è ancora doto saperlo.

 

Sovraelongazioni in apertura ed in chiusura

OHHHHHHH it's a long story, and as we don't need any candle to listen to, we can blow it up.

Come diceva mio zio Scottish e taccagno (come tutti gli  scozzesi), risparmiava anche sulle candele, considerando  che per sentire una storia non è necessaria la luce...

 


L'ESPERIMENTO MARVI....

 

Qui ognuno può dire la sua... Si tratta di una mia idea, estrapolando quanto ho intuito sull'Energia in generale e i fenomeni su base energetica che avverrebbero nel corpo umano, secondo anche quanto rappresentato dalle teorie energetiche orientali.

Io vi dirò pertanto la mia interpretazione!

Ora coloro che si occupano di medicina non convenzionale  parlano di energia in termini spesso ambigui, poco chiari e poco  rassicuranti, trincerandosi spesso dietro  l'assunto che è "l'Energia", (il Qi) che fa tutto...

Bhè, secondo me non è del tutto sbagliato pensare che   esista una forma e una fonte di energia cui non sappiamo  ancora accedere se non  occasionalmente, e con strani  (apparentemente) metodi, come l'agopuntura, alcune forme  di elettroterapia, sistemi di massaggio, etc...

Secondo il mio pensiero questa fonte di energia è il  "Vuoto".

Sì, il Vuoto che ci circonda e che fa parte  dell'esistenza, quella parte cioè non ancora esplorata  dalla Scienza che rappresenta il 99% del creato...
(forse collegato in qualche modo alla particella di Dio,  il bosone di Higgs?)

I cinesi lo chiamano Tao (l'innominato, il senza nome),  Gli Indiani il "Respiro di ParahBrahma", i Giapponesi lo  Zen, etc.

 

Ma allora vi chiederete ma che diamine ci vuol dire marvi  co sto po-po di roba (da non confondere con la pu-pu...)?

Volevo arrivare a dire che siccome si tratta di energia,  la forma di energia di cui conosciamo (quasi) vita, morte  e miracoli, è l'Energia Elettromagnetica.

Si tratta della forma di energia alla base di quasi tutti  i fenomeni e gli scambi energetici, fisici, chimici,  nucleari, etc...

Ora veniamo al sodo, come fa un povero Cristo (si fa per  dire) ad accedere a questo enorme serbatoio energetico, e  come è possibile legarlo alle funzioni vitali del nostro  organismo?

La soluzione è talmente semplice che spero proprio di non  rischiare il linciaggio...

La prima risposta che ci si può dare è che ci ha già pensato il Padreterno...

L'energia EM come la captiamo?  Semplicemente con una  antenna!

E come è fatta un'antenna?

 

Semplice, con un pezzo di conduttore con una capacità associata, in pratica una  spira con un condensatore ai suoi capi, quindi?

 

Con un  circuito risonante!!!!

 

 


Anche il nostro corpo è un sistema di "antenna" in grado di captare ed emettere energie coerenti col campo elettromagnetico che ci circonda.

 

 

Il corpo umano come antenna rice-trasmittente  antenna rice-trasmittente

 

 Ebbene, secondo le teorie energetiche orientali, noi disponiamo già nel nostro organismo di un sistema  energetico che forma una specie di anello a livello della  "cintura", posto a livello al di sotto dell'ombelico, insomma ci aveva a suo tempo già pensato il Padreterno!!

 

Il circuito risonante presente nel corpo energetico dell'Uomo

 

Questo Circuito Energetico sembra essere in grado di captare  l'energia dall'esterno del corpo, "pescando" da questa riserva universale, e di assorbirla e  diffonderla all'interno dei tessuti per le loro  necessità.

Questa cintura energetica nel nostro organismo è in grado  di generare un specie di "Bozzolo Energetico", un vero e proprio "lobo di radiazione" che ci  "difende" dalle energie patogene esterne, e ci "depura"  dalle energie patogene generate e/o immesse all'interno  del nostro organismo (per esempio con il cibo  ingerito... o con la respitazione, o col comportamento emozionale...).

 

clicca per ingrandire
Il circuito energetico del corpo La formazione del "BOZZOLO" Energetico a difesa dell'organismo


Fin qui di elettronica, direbbe qualcuno, non ne vedo....

Diamine, un attimo di pazienza che ci arrivo!!!  

Se non vi siete ancora stufati o distratti da sto polpettone a mò di telenovela...


Questo circuito energetico può essere potenziato appunto con un  Circuito Oscillante, che si può realizzare con uno spezzone di filo  conduttore, con le sue due estremità sovrapposte a  formare un piccolo condensatore,

          

in pratica abbiamo  costruito un circuito oscillante legato al nostro  organismo, e con le costanti determinate dalla nostra  "cintura", quindi peculiari e specifiche per ognuno di noi.

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
Conduttore avvolto a spira Porzione sovrapposta delle due parti terminali

 

Vediamo ora come costruirci la "nostra" cintura  oscillante... anti-malocchio?

Prendiamo un pezzo di filo, va benissimo uno spezzone da 2,5 mm2 di sezione, di quelli per impianti elettrici.

Tagliamolo unmezzo metro più lungo della misura della nostra "pancia" (vedi addome...) in modo che non sia nè troppo stretto, nè troppo largo, e d adesso uniremo i due capi a formare un condensatore di qualche pF, cosicchè avremo il nostro circuito oscillante a difesa del corpo.

     Ecco una sequenza pratica per la formazione del nodo piano, che diverrà il nostro condensatore

 

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire
Prima si piegano le due estremità del conduttore Sequenza di piegamento delle estremità per formare il nodo piano


ed ecco realizzato un prototipo della nostra cintura oscillante di Lakowsky!!
Tenete presente che la corretta misura della cintura chiusa è rappresentata dal giro fatto a partire dalla ali iliache (i due lati del bacino) epassante per la zona sopra il pube, questa è la giusta misura del "nostro" circuito risonante.

In pratica, per evitare di slacciarsi della cintura ed ottenere lo stesso effetto, io uso il nodo piano... Per chi non è stato in Marina, o non ha una barca a vela, o non sa cos'è un nodo piano, eccovi il video della Capitaneria di Porto che vi spiega come fare la giunzione di due cime...

clicca per ingrandire

http://www.youtube.com/watch?v=Ga2-Wni1gBQ

 

ma forse si capisce meglio da qui, visto con due cime di diverso colore...

 

clicca per ingrandire

http://www.youtube.com/watch?v=jbwcZPgso9w

ed ecco invece come faccio la mia giunzione... imparata sulle portaerei durante varie esercitazioni (io Regia Aeronautica...)

 

    
clicca per ingrandire


Ed ecco come appare la spira regolata per la mia pancia...

Ovviamente taglieremo la parte eccedente del conduttore in modo che restino 2- 3 cm di conduttore per lato, come mostrato nella fig. 4 della sequenza.

 Qui non c'è nessuna attenzione particolare, non vi tagliate le mani con le tronchesi...   tuttalpiù vi sentirete meglio...





  il parere della community
esprimi il tuo voto approvi questa pagina? promo


  non sei autenticato, per questo non puoi visualizzare i commenti sulla pagina. Se sei registrato accedi oppure registrati.


difficoltà
costo
informazioni
Questa pagina stata creata da marvi [pagine pubblicate]
il 28/03/2012 ore 12:31
ultima modifica del 29/03/2012 ore 19:14
la pagina stata visitata 4701 volte




Lo staff di www.grix.it non si assume responsabilità sul contenuto di questa pagina.
Se tu sei l'autore originale degli schemi o progetti proposti in questo articolo, e ritieni che siano stati violati i tuoi diritti, contatta lo staff di www.grix.it per segnalarlo.

   
 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2019 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale