home | area personale         schemi | tutorial | robotica | pic micro | recensioni         forum | chat irc         faq | contatti         store | Ordina PCB
username
password
cerca
 
EAGLE: IL CAD PER ECCELLENZA! tipo: livello:
Questo tutorial vi spiegher tutti i comandi per un corretto utilizzo del programma, sia nella parte inerente alla progettazione dello schema, sia nella parte di sbroglio del circuito.
 
 



                  

 MANUALE DI EAGLE

 

Presentazione

Introduzione

Eagle è un programma CAD (Computer Aid Design = Progettazione Assistita dal Calcolatore) utilizzato per disegnare schemi di schede elettroniche e le relative schede a circuito stampato (in inglese PCB=Printed Circuit Boards).

Il presente manuale è relativo alla versione 4.08.r2 in inglese.


Scopo del presente manuale

Scopo di questo documento è di spiegare in modo analitico i comandi a disposizione per la realizzazione di schemi elettrici e di schede elettroniche.

Installazione

Il programma EAGLE esiste in versione Professional a pagamento, e in versione Freeware che è uguale alla versione Professional con limitazione sulla dimensione massima della scheda 100 mm x 80 mm = ½ Eurocard, del numero di lati limitato alla doppia-faccia, e del numero massimo di fogli dello schema elettrico = 1.

Il programma è disponibile per il download sul sito del produttore, la CADSOFT , al seguente URL: http://www.cadsoft.de oppure http://www.cadsoftusa.com

Eagle esiste in numerose lingue e per diversi sistemi operativi. La versione da scaricare per windows è quella in lingua inglese.

Viene scaricato un file eseguibile che lanciato esegue l’installazione nella cartella c:programmieagle.

Unica attenzione al primo avvio del programma è quella di scegliere la versione Freeware a meno che non possediate gi.

 

Il Pannello di Controllo

Il Pannello di Controllo è il principale livello di Eagle ed appare al lancio del programma. La sua struttura è simile alla gestione risorse di windows ed è costituita da una finestra con struttura ad albero a sinistra ed una finestra di commenti sulla destra. Da esso è possibile entrare nei vari ambienti di disegno e di gestione del progetto.




In esso possiamo vedere sei cartelle principali:

  • Libraries: sono tutte le librerie dei componenti disponibili per il disegno. E’ possibile modificarle o crearne delle nuove. Quelle selezionate (click sul “puntone” verde/grigio a fianco) vengono caricate sulla memoria di lavoro ogni volta che si apre uno schema.Conviene tenere “attive” , in memoria, solo quelle che contengono i componenti usati nel progetto. Avere File meno “ingombranti” e più spazio di memoria disponibile, agevola e velocizza le operazioni di salvataggio e di lavoro.

  • Design Rules: sono le regole per il disegno della scheda (board),p.es: distanza minima tra pista e bordo scheda,ecc…E’ possibile utilizzare l’impostazione di defaultautorouter (sbroglio automatico) fornita oppure crearne una personalizzata che verrà impostata col comando DRC, prima di lanciare l’autoroute.

  • User Language: si tratta delle routines dei comandi utilizzabili; ciò permette di poter personalizzare alcuni comandi, volendo, ma è consigliabile non farlo se non si è esperti del linguaggio di programmazione utilizzato.

  • Script: si tratta di files di testo contenenti sequenze di comandi per eseguire una certa operazione standardizzata. Anziché ripetere ogni volta una certa procedura di lavoro si può riassumerla e lanciarla sotto forma di script. Anche in questo caso è consigliabile essere esperti nel linguaggio di programmazione utilizzato per evitare problemi.Sono molto utili per copiare parti di librerie vecchie e per crearne delle nuove personalizzate.(Copia e incolla)

  • CAM Jobs: sono programmi per la generazione dei files dati destinati a macchine di tipo CAM

  • Projects: questa cartella salva i lavori fatti in sottocartelle aventi come icona una cartella rossa. E’ possibile lavorare su questi files (come in Risorse del Computer di Windows). Per impostazione di default i lavori vengono salvati dentro alla cartella Project situata nello stesso percorso dove risiede l'installazione di eagle (solitamente c:programmieagleproject).

    Come per le librerie possiamo rendere attivo un progetto, click sul “puntone” verde/grigio a fianco: ciò determina l’assunzione delle impostazioni di sistema, (es: configurazione delle librerie attive) contenute nel file “eagle.epf” all’interno della cartella di progetto, all’apertura del pannello di controllo; inoltre tutti i disegni saranno salvati nella cartella di progetto attiva per default, salvo altra indicazione.

 

File Menu

Il File Menu contiene i seguenti comandi:

New

Apre un sottomenu che consente di generare un file nuovo per la creazione di uno dei seguenti lavori: schema elettrico, board, library, CAM job, ULP, script, text, progetto nuovo.

Le directory di default dei vari file, sono definite nella sezione Option/Directory menu.

Open

Apre un file esistente per poterlo vedere, modificare, stampare ecc.

Save all

Salva tutti i file attualmente aperti di Eagle.

Refresh tree

Aggiorna l'albero dei progetti.

Close project

Chiude un il progetto attualmente aperto, abbandonando le impostazioni relative, ripristinando quelle di default.

Exit

Esce dal programma, salvando le impostazioni attualmente attive. Al riavvio di Eagle l’ultimo stato del le impostazioni viene ricaricato. Vedi file eagle.epf.

Options Menu

Directories

Apre una finestra di dialogo per l’impostazione delle directory di default, in cui saranno salvati i lavori ( schemi., board, script, ecc.), salvo altra indicazione al momento del salvataggio. ( Save as )

Backup

Permette d’impostare con quale temporizzazione salvare i propri lavori automaticamente e quante versioni di backup conservare ogni volta. Le copie di backup create vengono salvate nella stessa cartella in cui è stato salvato per la prima volta il file. L’impostazione “automatica” permette di salvare il lavoro in uscita. Per ripristinare uno schema dalla copia di backup, è necessario rinominarla cambiando l’estensione (.sch per gli schemi, .brd per le boards).

User Interface

La funzione principale è quella d’impostare lo sfondo del foglio di lavoro, le barre dei comandi ed in generale l’interfaccia utente.

Window Menu

Permette di aprire o chiudere una finestra di lavoro. ( Vedi 3 icone in alto a destra )

Help Menu

Consente di accedere all’Help in linea, con la sintetica spiegazione dei comandi e delle procedure di lavoro di Eagle.

Tale comando è presente in tutti gli ambienti di lavoro di Eagle.

The Schematic Editor Window



E’ l’ambiente che consente di realizzare uno schema elettronico. Graficamente si presenta in modo simile a tutti i programmi Window, con Barra del titolo, Barra dei menu a tendina e Barre icone comandi direttamente eseguibili.

Di seguito verranno spiegati i comandi contenuti nei menu a tendina. Quasi tutti però, sono anche selezionabili direttamente cliccando sulle icone corrispondenti (si veda la toolbar).

File

New…. Save as

I comandi New, Open, Save, Save as, Save all, sono gli stessi del pannello di controllo. Vedi sopra.

Print - Print Setup

I comandi di stampa consentono le seguenti operazioni:


  • Page imposta pagina: bordi, dimensioni, posizione del disegno sul foglio

  • Printer seleziona il driver stampante e il numero pagine

  • Style sceglie come stampare il disegno: speculare, ruotato, sopra-sotto, bianco e nero e non a colori, piste piene.


Con Print Setup posso solo impostare i parametri di stampa, senza però stampare, mentre per lanciare la stampa devo entrare nel comando Print e, dopo aver controllato le impostazioni, cliccare sul bottone OK.


N.B.: Eagle stampa tutto ciò che è visualizzato sul monitor; per lo schema elettrico in genere ciò coincide con quanto si vuole stampare, mentre per la board di solito conviene stampare più disegni relativi a: Master, Layout, Piano foratura, Maschera saldatura.

Per fare la stampa voluta occorre perciò eliminare/aggiungere tutti i Layer non desiderati/voluti con il comando

ViewDisplay hide/layers.

Switch to board


E’ il comando che permette di passare all’ambiente board dallo schematic: viene creata una netlist ( ad ogni collegamento dello schema con viene associato un nome, e si genera un file contenente l’elenco dei collegamenti, associato al numero dei pin dei package corrispondenti ai simboli dello schema elettrico) che, una volta letta da Eagle, consente al programma di posizionare i contenitori reali della board e di rappresentare gli airwire/elastici tra gli stessi.

Export

E’ il comando che permette di esportare, in forma di file di testo, leggibili e modificabili con un qualunque text editor, le informazioni contenute nello schema elettrico, nella board e nelle library. Questi file possono diventare degli script, ad esempio nel caso di librerie, oppure sono semplici file di testo, come nel caso del Partlist. ( elenco dei componenti).

Script

E’ il comando che permette di importare un file di testo contenente comandi (script appunto) nel linguaggio di programmazione di Eagle che consentono di definire uno schema elettrico o una sua parte, un componente, una netlist ecc.

Questi file possono essere generati con il comando export ed opportunamente editati con un editor di testi qualunque. Per esempio per esportare una parte di uno schema elettrico in un altro si può creare il file con il comando export ed editarlo per togliere le definizioni delle parti di circuito che non ci interessano e successivamente importarlo nel nuovo disegno con il comando script.

Il comando script è potentissimo e va usato con attenzione. Per poter editare il file script occorre capire il linguaggio di programmazione di Eagle.

Edit

Undo

Il comando Undo annulla l’ultimo comando dato. Il tasto funzione F9 corrisponde al comando Undo.

Redo

Il comando Redo annulla l’ultimo comando undo. Il tasto funzione F10 corrisponde al comando Redo.


Toolbar Schematic


Tutti i principali comandi contenuti nei menù sono riportati nella barra dei pulsanti presente sulla sinistra dello schermo nello schematic editor e riportata a lato.

 

 

 

 

 

Info

Riporta un sommario di informazioni sull’entità selezionata.

Display

Consente di selezionare i livelli da visualizzare e i relativi colori.

Move

Consente di spostare gli oggetti selezionati.

Mirror

Riflessione applicata gli oggetti selezionati.

Group

Consente la selezione di un gruppo di oggetti.

Cut

Taglia gli oggetti selezionati.

Delete

Cancella gli oggetti selezionati.

Name

Cambia il nome (reference) del componente selezionato.

Smash

Separa nome e valore di un componente permettendo di posizionare il testo individualmente. Le dimensioni dei testi separati con smash possono essere cambiati individualmente.

Pin Swap

Scambia tra loro i pin di un gate.

Split

Aggiunge un vertice al segmento rappresentante un collegamento elettrico al fine di ottimizzare il percorso e rendere più leggibile lo schema.

Wire

Disegna un collegamento elettrico.

Circle

Disegna un elemento grafico di forma circolare.

Rectangle

Disegna un elemento grafico a forma rettangolare.

Bus

Disegna un Bus elettrico cioè un collegamento a più segnali rappresentato graficamente da una linea di spessore maggiore. Il nome del bus contiene i nomi dei segnali contenuti separati da virgola. Esempi di nomi validi sono: A[0..15] oppure

ATBUS:A[0..31],B[0..31],RESET,CLOCK.

Junction

Evidenzia un collegamento elettrico tra due wire.

ERC

Il comando lancia la verifica funzionale dello schema elettrico (Electrical Rule Check).

Show

Evidenzia, illuminandolo, l’oggetto selezionato.

Mark

Permette di fissare l’origine dalla quale è visualizzata la posizione del cursore.

Copy

Copia gli oggetti selezionati.

Rotate

Ruota gli oggetti selezionati.

Change

Cambia le proprietà degli oggetti selezionati.

Paste

Incolla gli oggetti precedentemente copiati o incollati.

Add

Aggiunge un simbolo prelevandolo da una delle librerie selezionate.

Value

Cambia o assegna il valore a un componente.

Gate Swap

Scambia tra loro i gate all’interno di un componente (es: due porte NAND di un 7400).

Invoke

Estrae un particolare gate da un componenete.

Text

Inserisce un testo.

Arc

Disegna un elemento grafico ad arco di cerchio.

Poligon

Disegna un elemento grafico a forma poligonale.

Net

Disegna un collegamento elettrico di un collegamento bus consentendo di scegliere il segnale corrispondente. Net con lo stesso nome sono considerate fisicamente collegate anche se disegnate su fogli diversi.

Label

Assegna un’etichetta con il nome della net che viene visualizzata nella posizione voluta.

 

 

 

 

The Board Editor Window


E’ l’ambiente che consente di realizzare la scheda a circuito stampato. Graficamente si presenta in modo simile all’editor dello schematico.

E’ possibile passare da un ambiente all’altro attraverso gli appositi pulsanti che si trovano sulla barra dei pulsanti.

Se al momento del passaggio dall’editor degli schemi a quello del PCB non esiste il file della scheda ne viene creata una.

E’ importante sottolineare che la scheda PCB viene generata attraverso una netlist cioè un file di descrizione dei collegamenti; Per questo motivo tutte le informazioni sui collegamenti presenti sullo schema elettrico vengono riportate sulla scheda a circuito stampato con le eventuali modifiche.

Per lo stesso motivo è bene effettuare il controllo ERC (Electrical Rule Check= controllo regole elettriche) prima di passare allo sbroglio della scheda a circuito stampato ed eventualmente creare la netlist (con il comando file export netlist) e controllarla.

In ogni momento sarà possibile tornare allo schema elettrico per effettuare modifiche ai collegamenti e ritornare all’editor della scheda a circuito stampato.


Toolbar Board Editor


Di seguito verranno spiegati i comandi della toolbar.

 

 

 

 

 

Info

Riporta un sommario di informazioni sull’entità selezionata.

Display

Consente di selezionare i livelli da visualizzare e i relativi colori.

Move

Consente di spostare gli oggetti selezionati.

Mirror

Riflessione applicata gli oggetti selezionati.

Group

Consente la selezione di un gruppo di oggetti.

Cut

Taglia gli oggetti selezionati.

Delete

Cancella gli oggetti selezionati. Non utilizzare per cancellare le piste in quanto cancella anche la netlist.

Name

Cambia il nome (reference) del componente selezionato.

Smash

Separa nome e valore di un componente permettendo di posizionare il testo individualmente. Le dimensioni dei testi separati con smash possono essere cambiati individulamente.

Pin Swap

Scambia tra loro i pin di un gate.

Split

Aggiunge un vertice alla segmento rappresentante la pista al fine di ottimizzarne il percorso.

Route

Consente di realizzare una pista.

Wire

Disegna una linea. Da notare che tale elemento grafico, così come tutti gli altri può essere posizionato su uno qualunque dei layer del master. Se ne sconsiglia l'uso sul piano 16-Bottom e 1-Top dove è preferibile realizzare le piste seguendo le indicazioni della netlist definite dallo schema elettrico così come evidenziato dai collegamenti ad elastico (ratnest).

Circle

Disegna un elemento grafico di forma circolare.

Rectangle

Disegna un elemento grafico a forma rettangolare.

Via

Consente di disegnare un foro passante costituito da due piazzole posta sui due lati della board che realizzano un collegamento elettrico attraverso la metalizzazione del foro che le collega nel caso di schede multistrato.

Hole

Inserisce un foro sulla scheda.

Ratsnest

Ricalcola il percorso più breve per gli elastici di collegamento evidenziandoli.

ERC

Il comando lancia la verifica funzionale dello schema elettrico (Electrical Rule Check).

Errors

Visualizza gli errori individuati da DRC.

Show

Evidenzia, illuminandolo, l’oggetto selezionato. Nel caso di PAD o piste vengono evidenziate anche tutte quelle appartenenti alla stessa netlist.

Mark

Ridefinisce l'origine delle coordinate del mouse.

Copy

Copia gli oggetti selezionati.

Rotate

Ruota gli oggetti selezionati.

Change

Cambia le proprietà degli oggetti selezionati.

Paste

Incolla gli oggetti precedentemente copiati o incollati.

Add

Aggiunge un simbolo prelevandolo da una delle librerie selezionate. E' preferibile eseguire questa operazione dallo schematic editor per mantenere congruenti i due ambienti.

Value

Cambia o assegna il valore a un componente o ad una net.

Replace

Sostituisce un componente con un altro. E' preferibile utilizzare CHANGE PACKAGE oppure UPDATE.

Optimize

Ottimizza.

Rip-up

Cancella una pista ripristinando il collegamento ad elastico. Nota: utilizzare sempre questo comando al posto di delete quando si vuole mantenere nella netlist il collegamento elettrico.

Text

Inserisce un testo. Se inserito sul lato rame (16-Bottom) il testo viene automaticamente inserito "riflesso".

Arc

Disegna un elemento grafico ad arco di cerchio.

Poligon

Disegna un elemento grafico a forma poligonale.

Signal

Disegna un collegamento elettrico. E' preferibile eseguire questa operazione dallo schematic editor per mantenere congruenti i due ambienti.

Auto

Comando di autoroute (sbroglio automatizzato).

DRC

Comando di Design Roule Check per il controllo del rispetto delle regole di collegamento (isolamenti, dimensioni minime, ecc.).


Con questo è tutto! Per consigli o chiarimenti mandatemi un messaggio, provvederò a rispondere appena possibile.

Ciao a tutti! =)

 

update: 03/10/10 v1.1

 

 

 

 

 

 

 





  il parere della community
esprimi il tuo voto approvi questa pagina? promo


  non sei autenticato, per questo non puoi visualizzare i commenti sulla pagina. Se sei registrato accedi oppure registrati.


difficoltà
costo
informazioni
Questa pagina è stata creata da iron_liquid
il 19/10/2006 ore 13:18
ultima modifica del 03/10/2010 ore 11:38
la pagina è stata visitata 19574 volte




Lo staff di www.grix.it non si assume responsabilità sul contenuto di questa pagina.
Se tu sei l'autore originale degli schemi o progetti proposti in questo articolo, e ritieni che siano stati violati i tuoi diritti, contatta lo staff di www.grix.it per segnalarlo.

   
 

 
 
indietro | homepage | torna su copyright © 2004/2020 GRIX.IT - La community dell'elettronica Amatoriale